Translate in your favourite language! :-P

30/10/12

Sciacalli seriali.



Dividono la piazza. C'è chi li odia e chi li ama. Come sempre, a me importa poco di cosa pensano gli altri perché il blog è MIO, quindi, ve ne parlerò. Sono i The Jackal.
Forse già li conoscete, forse no, ma bisogna ugualmente presentarli e credo che nessuno possa farlo meglio di loro stessi. Per risparmiare tempo e fatica darvi un primo assaggio delle loro capacità soprannaturali, citerò la breve e precisa presentazione che potrete trovare sulla loro pagina facebook:
La The JackaL nasce nel 2005, a Napoli, come gruppo videomaking indipendente. 
In pratica, facciamo video.
Già da piccolissimi eravamo accomunati da una forte passione per il cinema e per tutto ciò che riguardasse in generale il mondo dell’audiovisivo. Oggi crediamo e lavoriamo per costruire una nuova dimensione di fiction che possa accomunare web e cinema, sociale e fantascientifico, critica e riflessione.
La The JackaL Srl si occupa a tempo pieno di films production, viral marketing on web, nonché della produzione di videoclip musicali, mettendo a disposizione un ottimo bagaglio tecnico nel campo della produzione, post-produzione, direzione artistica e scenografia, supportate da un’ altrettanto efficace organizzazione e da una profonda conoscenza delle dinamiche legate al nuovo mondo della rete.
In pratica, continuiamo a fare video.
Ma ci crediamo più
Et voilà! Avete visto che bravi? Fanno video, ma sanno anche scrivere. Ammetto di aver effettuato un paio di modifiche, ma si limitavano alla forma più che alla correttezza sintattico-grammaticale-blablabla. Avete anche notato quanto bei paroloni inglesi usano? Una pratica che odio quando, in casi come questi, non ci sarebbe alcun bisogno di usare la terminologia inglese. Anch'io dico e scrivo scotch o computer, ma produzione cinematografica non è un parolone complicato. D'accordo, abbiamo finito la prima inutile fase di analisi del testo. Passiamo al sodo.

In effetti, la loro passione e il loro lavoro è fare video, dunque, cosa c'importa di ciò che scrivono? Se, una volta diventati vecchi, saranno diventati delle star o, meglio ancora, dei maestri, potremmo acquistare qualsiasi cosa pubblicheranno, dal romanzo di formazione alle ricette perfette per le orecchiette con le uvette. Fino ad allora, conviene limitarci ai video.


Una prima perla che voglio segnalarvi è questo fantastico video musicale (non credo suoni male in italiano!) dei 99 Posse, gruppo raggamuffin napoletano che credo conosciate tutti, in coppia con Caparezza, rapper pugliese che credo conosciate tutti. Il titolo della canzone è "Tarantelle pe' campà". Se non sapete cosa significa, spero siate abbastanza intelligenti da dedurlo dal video.




Vi è piaciuto? Mi fa molto piacere!
Ah, mi state dicendo che siete anche dei fan di Caparezza?
Allora, non potete perdervi un altro gioiellino della produzione The Jackal: Lost in Google.
Volete sapere il perché? Semplice:
1) LiG è la prima web series (questo ho deciso che si può usare, ok?) prodotta, diretta, pubblicata e distribuita dai The Jackal;
2) I The Jackal sono bravi;
3) LiG non è bella perché ci sono ottimi attori, anzi, gli attori fanno le comparse in questa serie. No, LiG non è neanche neorealismo. LiG è molto ben fatta. Divertente, irriverente, simpatica;
4) LiG è una serie comica;
5) La comicità di LiG non è né fine né alla cinepanettone. Se siete vecchi o dei rompiballe in generale, non guardatela. Credo faccia ridere solo chi ha dai 16 ai 35 anni;
6) LiG non mira a nulla tranne che al successo, la fama, la ricchezza e il sesso. Sono dei ragazzi che hanno una passione e si divertono nel metterla in atto;
7) In LiG ci sono moltissimi ospiti tra cui il già citato Caparezza e Maccio Capatonda.

Se qualcuno di questi punti vi ha convinto, potete tranquillamente cliccare su questo link. Se, invece, non vi ho affatto persuaso, significa che posso chiudere questo blog.

MMS è dinanzi al suo portatile. Sguardo fisso sullo schermo. Nota che un video di cui ha parlato nel suo blog non ha nuove visualizzazioni da mesi. Apre la pagina di Blogger e inizia a piangere a dirotto.

Dopo il BOOOM! di Lost in Google, i nostri sciacalli di quartiere sono tornati alla carica due settimane fa. Più o meno. Non che fossero stati ad oziare come Cicerone fino ad allora, ma, molto più semplicemente, non avevano prodotto o distribuito altre serie a episodi.


Invece, lunedì 15 Ottobre, su Youtube, è approdato questo.



Kubrick - Una storia porno
Produzione: Magnolia Fiction
Distribuzione: The Jackal

La prima serie porno sul porno ma senza porno. In sostanza, un'altra commedia web seriale. Come avrete notato, però, a produrla è la Magnolia Fiction. E chi saranno mai costoro? Avete presente quei telefilm orribili tipo "Il coraggio di Angela" o "Il segreto dell'acqua"? Sono loro. Sono parte della schiera di produttori della pessima televisione italiana, sono partecipi dello stato deplorevole in cui sono ridotti tutti i nostri canali televisivi al di fuori di Rai4, La7 e poco altro. Questo, però, non deve fermarvi!
Il prodotto in questione è nettamente diverso. Questa serie gronda The Jackal da tutti i pori! Se non vi fidate ancora e avete timore di cliccare sul play poco più sopra, vedete se il breve teaser vi convince. Altrimenti, chiudete la pagina o aspettate almeno di leggere la trama della prossima serie di cui vi parlerò.




Tratto da un storia NERD
Produzione: The Jackal
Distribuzione: The Jackal

Anzitutto, la trama non c'è, quindi, vi ho fregato. Ma non prendetevela. Era un misero scherza da un blogger-quasi-senza-blog. La trama non c'è poiché questa web series narrerà storie di vita vissuta. Nerd. Cioè, vita nerd. Secondo loro. Ammettiamolo, il termine nerd è ormai una parola che attira quasi quanto tette. Cosa significa? Chi lo sa. Ma attira. E, infatti, ho visto il video. Purtroppo, questa volta agli sciacalli non è andata bene. Forse, i troppi impegni lavorativi li stanno sfiancando, ma dopo LiG e Kubrick e tante altri bellissimi video, vedere questo primo episodio è piuttosto deludente. Strappa un misero sorriso, ma nulla più. Si vuole semplicemente abusare del termine nerd e calcare storie mitologiche ma banali. Fortunatamente, ieri è uscito il secondo episodio. Bello. Forse, anche più vicino al titolo della serie.

Ho scritto fin troppo. Stiamo parlando di video, quindi, vi tocca vedere. Se vi sono piaciuti i video da me linkati e se vi ho incuriosito abbastanza, questa è la loro pagina Youtube da cui potrete accedere a tutti i loro lavori.
Meritano.
Have fun!

P.S.: Non ho inserito i crediti per ogni video per mere questioni di spazio, ma, in generale, il lato tecnico di tutti i video citati è sempre ad opera del gruppo The Jackal.


MMS



Nessun commento:

Posta un commento