Translate in your favourite language! :-P

25/07/12

Scimmie indipendenti







No, non mi riferisco a noi esseri umani, bensì a quella casa editrice indipendente di cui vi parlai QUI, la MonkeyBrain Comics, il marchio fondato da Chris Roberson (iZombie, Dust to Dust, Cinderella), uno degli ultimi giovani scrittori di successo che ha mandato a quel paese le major, DC e Vertigo nel suo caso, a causa dei pessimi trattamenti che queste riservano agli autori e ai diritti delle loro opere, e sua moglie Allison Baker, la quale lavora nel mondo del cinema. La MBC, ramo della MonkeyBrain Books, ancora una volta di proprietà della coppia Roberson/Baker, si è presentata al pubblico il 2 Luglio (ero nel pieno della sessione estiva!) con un esercito di giovani e promettenti artisti creatori di serie di cui manterranno i diritti e che saranno distribuite (per ora) in esclusiva su Comixology a prezzi che vanno dai 0,99 ai 1,99 dollari (dai 0,79 ai 1,63 euro). Poiché questi ragassuoli sono tanto fighi quanto economici, io ho acquistato tutti i loro primi numeri di cui cercherò di farvi una breve presentazione in questo post!


Testi: Chris Roberson
Disegni: Dennis Culver

Sinossi...: Edison Rex è l'uomo più intelligente della Terra nonché idolo ed eroe dell'intera umanità. Finché un giorno non appare Valiant, il quale gli usurpa immediatamente il titolo di paladino del pianeta. Da quel momento, Edison decide di diventare un genio criminale per combattere la sua nemesi e dimostrare al mondo intero che, in realtà, quello che la gente crede sia il più grande supereroe del mondo non è altro che una pericolosa minaccia. Ma cosa farà il supercattivo una volta compiuta la propria missione?

...e tutto il resto: La risposta al quesito finale la trovate in questo primo numero disegnato da un ottimo Culver capace di descrivere ogni minima espressione (c'è una magnifica scena con un primo piano di Rex che vale l'intero numero) e donandoci delle tavole semplici ma di ottima fattura. La storia è scorrevole, buoni dialoghi e stupenda "trovata" di Roberson che permette l'esecuzione di un fantastico climax ascendente. Palese è il fatto che si tratti dell'ennesima riproposizione del duo Superman/Lex Luthor anche se, in questo primo numero, non si riesce a comprendere a pieno la strada che vuole intraprendere l'autore. Comica? Seria? Seriosa? Tutte? Nulla che vada ad intaccare la lettura. D'altronde, non credo ci sia nemmeno da preoccuparsi: parliamo pur sempre di Roberson!


Testi: Paul Tobin
Disegni: Colleen Coover

Sinossi...: Bandette è una ladra, un'acrobata ed una ragazza con molti amici pronti ad aiutarla in caso di "chiamata alle armi". Tra questi amici figura anche l'ispettore di Polizia Belgique che, spesso e malvolentieri, chiede soccorso alla colorata ladra gentildonna. Bandette ruba, ma solo a chi non è meritevole di possedere opere d'arte o a chi è troppo stupido da non poterle comprendere ed apprezzare. Non la pensa allo stesso modo Monsieur, misterioso ladro e ricettatore che incrocerà la strada della nostra protagonista.

...e tutto il resto: Uno dei due titoli migliori (mia personale opinione, ndr.) di questa prima ondata. Tobin imbastisce una storia frizzante, vivace e dinamica che rispecchia al meglio lo spirito della nostra protagonista, un personaggio positivo e immediatamente simpatico che, coadiuvata dalla sua originale banda, si prepara a riservarci numerose sorprese. "Una via di mezzo tra Tin Tin e Nancy Drew". Ma Bandette strizza l'occhio a molti altri cartoni animati degli anni 60 soprattutto per quanto riguarda il disegno. Magnifico lo stile di Coover che calza a pennello con l'atmosfera di questa serie. Un applauso alla seconda coppia sposata della MCB!

Testi: J. Torres

Sinossi...: Su di un arca popolata da animali parlanti diretta verso una sconosciuta meta, un leone saggio dispensa favole consigliere e moraleggianti per venire in soccorso ai suoi compagni di viaggio.

...e tutto il resto: Ok, l'ho fatta molto breve, ma, in effetti, non c'è da dire molto. Un animale ha un problema e lo fa presente al leone. Il leone racconta una favola che spiega indirettamente come risolvere quel problema. L'animale risolve il problema grazie alla saggezza del leone. Insomma, una favola nella favola. I disegni sono fantastici, uno stile onirico che non perde neanche nei passaggi da bianco e nero a colori, ma: o la prendete per farla vedere ad un vostro figlio/nipote/cugino/cucciolodiessereumanoqualsiasi o la comprate per donare 0,79 euro alla causa indipendente o desistete.

Testi e disegni: Matthew Dow Smith

Sinossi...: Autumn crede in tante cose e ne vede molte altre tra cui il suo amico Barnaby. Purtroppo, tutte queste cose sono solo immaginarie. Ma con l'età, certe fantasie spariscono per far posto alla cruda e dura realtà: il padre abbandona lei e la madre, la quale si fa in quattro per permettersi un piatto caldo a tavola. Autumn, così, decide di affiancare un lavoro alla scuola, lavoro che odia e che non le permette neanche d'iscriversi al college. È alla fine di uno dei suoi noiosi e squallidi turni che la sfortunata ragazza riceve la visita del suo vecchio amico Barnaby il quale l'avverte di un pericolo incombente...

...e tutto il resto: Serie che, al pari di Bandette, merita l'acquisto immediato e la pubblicazione in volume unico cartaceo. Unico perché credo siano due storie da graphic novel. Un'eccessiva dose di serialità le rovinerebbe. D'altro canto, sarei felicissimo di essere smentito! Una storia ricca di dialoghi introspettivi da applauso e una chiusura da urlo che, però, lascia molti dubbi sul proseguimento. Potrà tanto diventare un thriller psicologico quanto un fantasy. Certamente, sarà un capolavoro in qualsiasi veste. La povertà di colore è specchio dell'animo cupo e desolato di Autumn. Pochi colori e tutti spenti che vogliono ripetere a voce alta il nome della protagonista ed il titolo dell'opera. Il tratto è di scuola Mignola. Nulla da aggiungere.


Sinossi...: Amelia Cole è nata nel mondo non-magico, ma, in quanto maga, può facilmente viaggiare verso quello magico dove risiede la sua anziana e saggia zia Dani, anche lei maga. I troppi viaggi, però, hanno causato un'apertura innaturale tra i due mondi che permette il passaggio anche a creature malvagie. Un reato grave nel mondo magico che ha fatto scattare l'arresto per Amelia. Mentre si adopera per chiudere definitivamente qualsiasi passaggio tra i due mondi, zia Dani rivelerà alla nipote le sue origini: Amelia proviene dal terzo mondo. Un terzo e sconosciuto mondo nel quale la giovane maga si rifugia nel disperato tentativo di sfuggire alla cattura.

...e tutto il resto: La prima serie fantasy della MCB. Sulla scia di Harry Potter, abbiamo dei maghi bacchettari che sfidano demoni della persuasione (WTF?!?). Ma, qui, i toni sono molto più seri e  raggiungono quel target che la Rowling tocca solo col settimo libro (ok, forse anche col sesto, ma, personalmente, lo ritengo il peggiore). Toni seri ma anche drammatici fin da subito, ahimè! Purtroppo, devo ammettere di esser stato spiazzato diverse volte. Non per singolari risvolti narrativi, ma per passaggi troppo veloci e non ben spiegati. Sembra quasi che gli autori ritengano la magia una cosa naturale che non necessita didascalie varie. Buon per loro. Speriamo ci creino un mondo all'altezza della loro sapienza. I disegni sono apprezzabili, fanno il loro buon lavoro, ma non possiamo gridare al Caravaggio. Bei colori. A volte.


Ed ecco conclusa la prima ondata della MonkeyBrain Comics. Spero possiate e vogliate apprezzare almeno i pezzi forti della squadra. Intanto, vi avverto che la seconda ondata è già iniziata, dunque, a presto nuovi aggiornamenti. STAY TUNED!!!
" Sei sicuro si scriva così?"
No.
"Allora, perché non controlli su Google?"
Non lo fanno neanche i giornalisti de La Repubblica. Perché dovrei farlo io?
"In effetti..."

MMS

Nessun commento:

Posta un commento