Translate in your favourite language! :-P

19/07/12

Chi fa da sé fa per (Emme)Tre - Parte II

"Un altro post sulla Emmetre?"
Credo sia evidente.
"Quindi, oggi, ci parlerai della storia delle tovagliette?"
No.
"Perché?"
Non siete ancora pronti.
"Ma vaff..."


"Romabot Centurion"
Disegni: Daniele Rudoni
Editore: EmmeTre Edizioni

Sinossi...: Nel ventiduesimo secolo, l'umanità è in uno stadio così avanzato dell'evoluzione da essere in grado di creare la vita (per quanto sintetica essa sia). Ed è proprio in questa primavera tecnologica che gli antichi dei terrestri, gli A-Nun-Nak, tornano sulla Terra per riscattare quel posto lasciato vuoto da troppo tempo. Ma gli esseri umani si ritengono a loro volta delle divinità in quanto creatori di vita e decidono, dall'alto della megalomania che contraddistingue la nostra razza, di ribellarsi e contrattaccare all'invasione con i propri superobots. Ma per far pendere l'ago a favore dell'umanità, bisognerà attendere che Remo Mariani, bimbo trovato in una strana incubatrice nelle profondità del Colosseo, quartier generale della resistenza terrestre, sia capace di pilotare l'unico superobot in grado di contrastare da solo i simulacri degli antichi dei: il Romabot Centurion.


...e tutto il resto: Questa nuova miniserie in tre volumi della Emmetre vuole essere un omaggio agli anime della "Generazione Goldrake", quei cartoni giapponesi, quasi tutti frutto della mente di Go Nagai, a tema fantascientifico e aventi come protagonisti supermegarobottoni spaziali che se le davano di santa ragione. Quegli anime che molte reti private hanno ostinatamente continuato a mandare in onda fino ad inizio anni 2000 nonostante Dragon Ball fosse già un culto affermato e venerato in tutte le case italiane durante il pranzo.


Romabot Centurion desidera affiancarsi alle creazioni di Nagai e ci riesce anche bene: vuoi per l'atmosfera relativamente scanzonata, leggera, quasi innocente così come quella dei cartoni di dell'epoca, vuoi per i disegni di Rudoni, il quale, sfiorando il tratto da mangaka, è capace, anche attraverso l'uso delle scale di grigio, di donare dinamicità e (paradossalmente) colore a tutti i personaggi, vuoi per quel vocabolario fatto di attacchi speciali da urlare e oggetti come il transpondersonar che, in un epoca dove gli acronimi e le abbreviazioni regnano indisturbate, certamente stonerebbe se non contestualizzato in modo adeguato. Infine, non dimentichiamoci che anche questa serie rientra nell'universo fumettistico Emmetre ed è, dunque, ambientata in Italia anche se qualche secolo più tardi le avventure di Capitan Nova e soci.




Un'altra buona serie da affiancare ai lavori della Emmetre. In attesa degli ultimi due numeri, anzitutto, vi ricordo che potete trovare link utili su questa casa editrice in questo post, poi, vi aggiungo il link del blog di Romabot Centurion ricco di gradite preview dei prossimi due numeri, infine, vi lascio con un simpatico spot pubblicitario dei due autori della serie.







Adesso, vacanze!
"Ne sei certo?"
No. Purtroppo, no.






MMS

2 commenti:

  1. AHAHAH!^^
    Grande!

    Comunque, ci tengo a precisare che le sopracciglione che ho nel video sono... FINTE!

    RispondiElimina