Translate in your favourite language! :-P

23/06/12

Because Indie is the Way: To be Indipendent!




Chris Roberson lavorava per la Vertigo sceneggiando una delle serie di maggior successo di questi ultimi tempi: iZombie (di cui cercherò di scrivere a breve).
Chris Roberson, però, non amava il modo in cui le major (leggasi Marvel e DC) trattavano i loro artisti, in particolare ciò che riguardava i diritti delle loro opere.
Chris Roberson scrisse un tweet dove salutava i suoi fan dicendo che avrebbe lasciato la DC/Vertigo dopo il suo ultimo progetto: Fairest.
Chris Roberson fu cacciato prima di poter iniziare quel progetto.
Ora, Chris e sua moglie stanno mettendo su la Monkey Brain Comics che vedrà la luce...beh!, vi basta cliccare sul sito per saperlo!!!

Sulla scia di Roberson, anche altri artisti stanno abbandonando le major in favore dell'indipendenza. Tra i vari nomi spicca quello di Paolo Rivera, disegnatore, fino a poco tempo fa, della serie Daredevil scritta attualmente da Mark Waid.

Riusciranno i nostri eroi a vendere e, dunque, sopravvivere anche senza il supporto dei potenti? Io spero vivamente di sì! Intanto, se volete approfondire il discorso, qui potrete leggere un'intervista rilasciata da Roberson dopo il suo licenziamento mentre qui la lettera d'addio di Rivera scritta direttamente sul suo blog.

Ovviamente, non dimentichiamo che riscatti del genere sono avvenuti anche nel nostro vecchio e pigro paese dove Carmine Di Giandomenico, disegnatore italiano che lavora presso la Marvel, ha detto  "NO!" a qualsiasi collaborazione con la Marvel Italia (leggi Panini) a causa del loro pessimo comportamento professionale nei suoi confronti. Qui la sua lettera aperta.

Inoltre, se negli States l'Image Comics è la casa indipendente per eccellenza, non dimentichiamo che anche da noi esistono giovani realtà ribelli come la Villain Comics (di cui ho scritto fin troppo) e la Emmetre Edizioni (di cui scriverò presto).

Infine, poiché siamo in tema vi annuncio anche che io (sì, io), da oggi, in Italia, acquisterò solo fumetti italiani, indipendenti italiani e manga. Orinerò comics originali direttamente dall'America o dall'Inghilterra (FORZA AZZURRI!). Semmai acquisterò prodotti stranieri saranno solo edizione da collezione ben curate e pubblicate da editori minori.
Inoltre, non mangerò più Nutella.
...
...
...
Scherzo!



MMS

8 commenti:

  1. ai tempi l'image ha creato difficoltà a marvel e dc. di sicuro il fumetto ha bisogno di un mondo indipendente perchè le major presentano prodotti troppo similari. ancora ancora la dc ha la sua linea vertigo che ti mette qualcosa più di nicchia, mentre la marvel ormai è solo cozzoneria legata ai film e alle trame guerra-politica dei libri di clancy.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'Image, se possibile, sta facendo più danni in questo periodo che mai! :P In effetti, credo sia diventata la terza "major" degli States.
      Marvel e DC sono "tradizionaliste" e eccessivamente commerciali. Chissà se questi numerosi addii apriranno loro gli occhi.

      Elimina
  2. "Inoltre, non mangerò più Nutella.
    ...
    ...
    ...
    Scherzo!"

    Occhio che ingrassa!^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh! Io ingrasso anche senza quella. No problem. xD

      Elimina
  3. Se le cose vanno come devono, il mondo sarà sempre più indie, e a ragione. Le "major" (in qualsiasi campo, musica, fumetti, cinema, videogiochi) sono ormai dei vecchi dinosauri prossimi all'estinzione ("prossimi" relativamente, potrebbero volerci decenni).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potrebbe non arrivare mai quel momento, ma ventate di novità non fanno mai male. Anzi, spesso è dall'indie che nasce qualcosa di realmente nuovo, bello e capace di diventare storico.

      Elimina
  4. come hai detto tu l'Image è stata la prima a fare il grande passo. Riguardo DiGiandomenico ha fatto bene, la Panini non si è comportata bene come ha fatto con altri disegnatori nostrani (vedi Dell'Otto o Bianchi). Magneto Testament ad esempio non viene ristampato da anni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La risposta giusta sarebbe acquistare quelli e altri albi in lingua originale e far subire il colpo alla Panini. Oppure, riempire di lettere e e-mail la redazione. O criticarli alle fiere. Ma noi italiani siamo pigri e con la pancia. :P

      Elimina